• Autore dell'articolo:
  • Ultima modifica dell'articolo:Aprile 3, 2022
  • Tempo di lettura:13 mins read

Il collo è la zona del corpo più soggetta a tensione,sovraccarichi e correnti d’aria.

L’esposizione prolungata a posizioni scomode o all’aria fredda può provocare spiacevoli sensazioni  di dolore e disagio.

Pertanto, una crema per cervicale infiammata ci dovrebbe essere in ogni armadietto dei medicinali. Tuttavia, non dove  essere usato in modo irresponsabile. Come scegliere e utilizzare il miglior antidolorifico per cervicale lo spiegheremo più  avanti in questo articolo.

Veloce panoramica

La scelta dell’editore

Miglior rapporto qualita prezzo

Miglior integratore antidolorifico per cervicale

HondrostrongArthrolonArthro LAB
Nome del prodotto

Hondrostrong

Arthrolon

Arthro LAB

Prezzo
Controlla l’ultimo prezzoControlla l’ultimo prezzoControlla l’ultimo prezzo
Quantità e forma
50 ml di crema50 ml di gel50 ml (5 monodose)
Ingredienti principali
Vongole verdi, Apitoxina, Succo di foglie di IlexIppocastano, Abete, Olio essenziale di mentolo, Estratto di corteccia di salice biancoMetilsulfonilmetano, Vitamina C, Condroitina, Glucosamina, Salicina, Acido ialuronico, Manganese

La classifica dei migliori antidolorifici per cervicale

La scelta dell’editore – Hondrostrong

Punti salienti:

  1. Gli ingredienti speciali nella composizione danno subito dei  miglioramenti.
  2. Allevia dolori articolari e infiammazioni.
  3. Comodo dosatore di crema per evitare sprechi.
Hondrostrong

Questo miglior antidolorifico per cervicale si distingue tra i concorrenti per le particolarità della sua composizione, ovvero la presenza di un ingrediente speciale che conferisce una particolare resistenza alle articolazioni e alla cartilagine.

Vongole verdi che si trovano al largo della costa della Nuova Zelanda servono da lubrificante naturale delle articolazioni e determinano l’elasticità del tessuto connettivo; parte della cartilagine e dei legamenti.

La crema per cervicale infiammata in un volume di 50 ml ha un comodo beccuccio dosatore che consente di utilizzare solo una certa quantità di crema. L’uso di migliore pomata per cervicale ti aiuterà ad alleviare il dolore e il gonfiore, nel tempo, a riparare le parti danneggiate della cartilagine o dell’articolazione.

Miglior rapporto qualita prezzo – Arthrolon

Punti salienti:

  1. Il gel agisce rapidamente grazie alla sua speciale composizione
  2. ottenuto dalla miscela d’ingredienti assolutamente naturali.
  3. Non comporta effetti collaterali.

Se stai cercando un farmaco ad azione rapida sotto forma di crema o gel in grado di alleviare il dolore, il gonfiore, non solo nella zona del collo ma anche in tutte le articolazioni, allora questo antinfiammatorio per cervicale è ciò di cui hai bisogno.

Grazie a Ippocastano, il gel aiuterà ad alleviare l’ipertono nei muscoli e altri ingredienti aiuteranno a ripristinare la cartilagine.

Al momento dell’ordine, sono disponibili vari metodi di pagamento e anche il pagamento in contanti al ricevimento della merce. Si consiglia di applicare il gel 2-3 volte al giorno fino a completo assorbimento e non risciacquare la parte interessata per un paio d’ore.

Miglior integratore antidolorifico per cervicale — Arthro LAB

Punti salienti:

  1. La sua composizione è al 100% naturale.
  2. L’elevata concentrazione di principi attivi in ​​ogni flacone dona un effetto immediato.
  3. Funzionano meglio e più velocemente perché assunti per via orale.

Questo prodotto è un ottimo rimedio per il dolore e i processi infiammatori delle articolazioni e della cartilagine e si differenzia dai concorrenti  a differenza degli altri  viene venduto  in flaconcini.

Prendendolo per via orale, l’effetto si verifica più velocemente rispetto agli altri farmaci per cervicale, poiché il farmaco viene assorbito dalle pareti dello stomaco e dell’intestino e si diffonde istantaneamente in tutto il corpo.

La sua composizione è arricchita solo con gli elementi essenziali per la salute delle articolazioni e della cartilagine, come acido ialuronico, glucosamina, condroitina, salice, magnesio e altri. Può essere assunto direttamente dal flaconcino o diluito in acqua.

Guida all’acquisto del miglior antidolorifico per cervicale

Fino al 72% della popolazione in età lavorativa almeno una volta all’anno soffre di dolore al collo – cervicale e nell’1,7-11,5% questo problema causa disabilità.

Con l’età, il numero di persone che provano dolore al collo aumenta, più spesso ed  anche  le donne sperimentano questo sintomo.

Cause del dolore al collo

Ci sono molte ragioni che possono portare al dolo

re cervicale. Di solito sono divisi in due gruppi:

  • associato alla colonna vertebrale (vertebrogenico):
  • osteocondrosi;
  • artrosi;
  • lesioni infettive dello scheletro;
  • patologie autoimmuni;
  • disordini metabolici;
  • neoplasie;
  • lesione.
  • non correlato alla colonna vertebrale (non vertebrogeno):
  • sindrome miofasciale;
  • sindrome del dolore psicogeno;
  • dolore riferito nelle malattie degli organi interni.

Consideriamo più in dettaglio le patologie più comuni che possono causare dolore al collo e alla testa.

Osteocondrosi

L’osteocondrosi è uno dei problemi più comuni del nostro tempo. Si manifesta con la deformazione e l’assottigliamento dei dischi intervertebrali.

Sfortunatamente, c’è una tendenza alla comparsa dell’osteocondrosi in giovane età – sempre più spesso questa diagnosi viene fatta anche all’età di 20 anni. Fattori che possono innescare lo sviluppo di questa malattia:

  • predisposizione ereditaria;
  • stile di vita sedentario;
  • stress e tensione.

Molto spesso, le complicazioni dell’osteocondrosi si verificano in età giovanile. Nella prima fase, questa malattia praticamente non dà fastidio. Potrebbe esserci una leggera rigidità al mattino, uno scricchiolio quando si sposta la testa, una sensazione di pesantezza. In questo caso, la parte interna del disco intervertebrale perde umidità e la parte esterna si copre di crepe ed esfolia. Le vertebre non sono più allineare  fra di loro ed incominciano a sfregare l’una contro l’altra causando infiammazioni ed attrito nei movimenti.

Nella seconda fase, le vertebre sono soggette a carichi eccessivi, c’è un sovraccarico dei muscoli e dei legamenti. È in questa fase che possono verificarsi ernia intervertebrale e spostamento delle vertebre.

Sindrome miofasciale

La causa principale della sindrome del dolore miofasciale è un sovraccarico costante o periodico dei muscoli del collo, che provoca spasmi della fibra muscolare.

Fattori di rischio:

  • curvatura della postura;
  • piedi piatti;
  • attività fisica pesante;
  • sovratensione costante;
  • vibrazione;
  • immobilità prolungata del corpo (ad esempio, nel trattamento delle fratture);
  • indossare abiti stretti e scomodi;
  • problemi alimentari;
  • malattie degli organi interni.

Dati questi fattori, è difficile immaginare l’intera varietà di casi clinici in cui si verifica la sindrome miofasciale. Per riconoscere questo problema, è importante prestare attenzione ai suoi segni principali: compattazione muscolare, indolenzimento e contrazioni involontarie.

Disfunzione delle faccette articolari

Le faccette articolari collegano le vertebre tra loro. La loro funzione principale è quella di garantire la stabilità della colonna vertebrale limitandone la mobilità.

Il dolore articolare acuto si verifica quando la faccetta articolare viene ferita durante un brusco movimento della testa o del collo. L’articolazione è bloccata dalle vertebre, il che porta a infiammazione, gonfiore e dolore al collo. I sintomi di solito scompaiono dopo pochi giorni.

Più spesso nella pratica medica c’è una disfunzione cronica delle faccette articolari (sindrome delle faccette). Questo problema è associato allo sviluppo graduale di cambiamenti nella struttura delle articolazioni. 

Ernie e sporgenze dei dischi intervertebrali

Le ernie del disco sono la complicanza più grave dell’osteocondrosi. Si distinguono le seguenti fasi della loro formazione:

  1. Rigonfiamento (sporgenza) del disco.
  2. Prolasso del nucleo e di altri frammenti del disco nel canale spinale (in realtà un’ernia).
  3. Spondilolistesi nascosta (spostamento solo durante la flessione e l’estensione della colonna vertebrale).

Il primo segno di sporgenza del disco intervertebrale è un aumento del dolore durante il movimento e la sua diminuzione a riposo. Molto spesso, i pazienti con questo problema si sentono peggio in posizione supina, quindi devono dormire semi seduti. Le sensazioni di dolore sono pressanti, esplodono, spesso emettono ad altre aree.

Nella fase di un’ernia formata, il nervo spinale o le sue radici vengono pizzicate. Le manifestazioni sono diverse: dolore al collo, irradiamento alla spalla e al braccio, calo della pressione sanguigna, vertigini, debolezza e sonnolenza, intorpidimento delle dita e, in rari casi, disturbi dell’udito, della vista e della deambulazione.

Mielopatia cervicale

La causa dello sviluppo della mielopatia cervicale è la compressione del midollo spinale e dei suoi vasi. Questa malattia può essere causata sia da un’ernia del disco che da un restringimento del diametro del canale spinale a causa di alterazioni degenerative delle vertebre. La mielopatia è più comune negli uomini di età superiore ai 50 anni e si sviluppa gradualmente nell’arco di 1-2 anni. Di norma, i pazienti vanno dal medico con i seguenti reclami:

  • disturbi del movimento (aumento del tono muscolare, diminuzione della forza, problemi di coordinazione dei movimenti);
  • disturbi sensoriali (cambiamenti del dolore e della sensibilità articolare-muscolare);
  • disturbi dei riflessi (aumento o diminuzione dei riflessi tendinei delle braccia e delle gambe).

Opzioni antidolorifici per cervicale

Quando si tratta di creme antinfiammatori, ci sono varie opzioni che variano in termini di efficacia ed effetti collaterali.

Gel e creme per il dolore al collo possono o meno essere a base di corticosteroidi. II loro utilizzo è come lanciare un secchio d’acqua in una zona mirata del fuoco. Meno del farmaco viene assorbito nel flusso sanguigno rispetto ai farmaci per via orale, quindi il rischio di effetti collaterali dannosi è significativamente inferiore.

Una recente revisione della letteratura (prove di ricerca) di Cochrane ha rivelato che i FANS  (farmaci per cervicale antinfiammatori non steroidi) topici hanno fornito buoni livelli di sollievo dal dolore in condizioni acute come distorsioni, stiramenti e lesioni da uso eccessivo.

Affinché un FANS topico sia efficace, deve raggiungere il tessuto infiammato in una concentrazione sufficiente per produrre un rilevante effetto antinfiammatorio.

Fattori che influenzano l’efficacia di creme antidolorifici per cervicale

  1. Concentrazione – La concentrazione di farmaci antinfiammatori nella migliore pomata per cervicale ha ovviamente una forte influenza su quanto viene assorbito dai tessuti. 
  2. Formula – La formulazione è fondamentale per la penetrazione della pelle. Senza entrare troppo nei dettagli, il gel è più efficace della miglior crema per cervicale.
  3. Flusso sanguigno – Se il flusso sanguigno nell’area aumenta a causa dell’esercizio, un impacco termico, una doccia calda, un massaggio, ecc., c’è una migliore possibilità che il farmaco venga assorbito.
  4. Impacchi – I medici sportivi raccomandano spesso di avvolgere l’area interessata in un involucro di gioia dopo aver applicato il gel antinfiammatorio per aumentare il tempo che il gel deve penetrare nella pelle prima di essere strofinato o evaporare.
  5. Massaggio – Non dimenticare gli effetti benefici del massaggio tra cui sollievo dal dolore e aumento del flusso sanguigno. Alcuni ritengono che gli effetti benefici delle creme antinfiammatorie siano da attribuire  al massaggio e non al antidolorifico per cervicale. 

Tuttavia, la ricerca ha dimostrato che i gel e le creme antinfiammatori forniscono un sollievo dal dolore significativamente maggiore rispetto ai gel e alle creme placebo quando vengono massaggiati nell’area interessata.

Creme antidolorifici per cervicale di tipo non patch

I farmaci topici per alleviare il dolore comprendono preparati applicati sulla pelle sotto forma di crema, unguento, gel, spray o cerotto. Le creme antidolorifici per cervicale cercano di ridurre l’infiammazione sotto la superficie della pelle e lenire il dolore ai nervi. Alcuni di questi creme sono disponibili solo con prescrizione medica e altri possono essere acquistati da banco.

Nel 1980 è stato introdotto il primo prodotto terapeutico o transdermico attraverso la pelle (TTS). Da allora gli scienziati di tutto il mondo continuano a sviluppare metodi più sicuri e più convenienti per somministrare farmaci, ormoni e integratori al corpo umano. La somministrazione di farmaci e formulazioni che migliorano la salute attraverso la pelle sta diventando sempre più popolare.

I medici che studiano la colonna vertebrale e gli specialisti del dolore possono raccomandare un antidolorifico topico per alleviare i sintomi di vari disturbi alla schiena e al collo. Ad esempio, una miglior crema per cervicale può essere utilizzata per trattare il dolore associato a osteoartrite, artrite reumatoide, tensione al collo o alla parte bassa della schiena, colpo di frusta, infiammazione e spasmi muscolari e alcuni tipi di dolore ai nervi.

Vantaggi

  1. Base (crema, unguento, gel, spray) rende l’applicazione facile e controllabile.
  2. L’esordio del sollievo dai sintomi è generalmente più rapido rispetto ai preparati orali.
  3. I sintomi vengono alleviati a un ritmo costante e il sollievo può durare più a lungo.
  4. Una quantità minore di medicinale può essere necessaria se applicata in forma topica.
  5. Le formulazioni si diffondono attraverso la pelle ed entrano nel flusso sanguigno, bypassando inizialmente il sistema digestivo (chiamato “primo passaggio”). Molti effetti collaterali sistemici (tutto il corpo), come il rivestimento dello stomaco irritato, possono essere ridotti o eliminati.

FAQ – domande frequenti

Aiutano a ridurre o eliminare il dolore e il gonfiore. Aiutano a tornare allo stato normale, lavorare, dormire, camminare senza dolore alla cervicale.

Usate correttamente, queste creme possono fornire un sollievo temporaneo dal dolore muscolare, ma non dovrebbero essere utilizzate per più di una settimana. Usarne troppo per giorni o settimane è più pericoloso dell’uso una tantum di una grande quantità di antinfiammatorio per cervicale. I casi sono tutti esempi di danni che possono verificarsi quando si applicano troppe medicine sulla pelle. Nei trattamenti a lungo termine (più di 1 mese) vi consigliamo di fare delle pause. Se il dolore cervicale dura più di 6 mesi vi  consigliamo di consultare un medico specialista.

La terapia del freddo/gli impacchi di ghiaccio aiutano ad alleviare la maggior parte dei tipi di rigidità del collo riducendo l’infiammazione locale. L’applicazione di ghiaccio durante le prime 24-48 ore di una dolorosa riacutizzazione di solito ha il massimo beneficio in termini di riduzione dell’infiammazione. L’applicazione di calore al collo può stimolare il flusso sanguigno, favorendo un migliore ambiente di guarigione.

La scelta dell’editore

Quando si sceglie un antidolorifico per il dolore al collo, prestare attenzione alla sua composizione, quantità, metodo di applicazione, effetti collaterali e caratteristiche. Queste caratteristiche ti aiuteranno a capire quale prodotto è giusto per te.

Secondo il numero di recensioni positive e al nostro avviso, il miglior antidolorifico per  cervicale è La scelta dell’editore – Hondrostrong perché il prodotto ha un formato conveniente e un dosatore che evita gli sprechi. Colpisce anche non solo i sintomi ma aiuta anche ad eliminare la causa stessa, a seconda della sua origine.

Condividi con noi nei commenti se preferisci usare un antidolorifico per cervicale oppure  cerotti per  cervicale o per alleviare il dolore in altre  partii del corpo.

author blog-Marie Reyes
Autore del post

Marie Reyes

è l’autrice del nostro sito web e nutrizionista. È un’amante appassionata del comfort domestico. Passa il tempo leggendo, nuotando e prendendosi cura della sua famiglia. Puoi trovare maggiori informazioni su di lei qui.

Lascia un commento